Via Crucis

Oltre la Via Crucis come sacra rappresentazione, mimata nella Settimana santa, vi sono le raffigurazioni nelle chiese delle quattordici stazioni, simili a quelle che accompagnano l’opera di William Xerra e che, nella versione di un maestro lombardo del primo Settecento, il nostro pittore si è tenuto nello studio per un anno, guardandole e meditando. Sono quelle stesse che ha esposto nella Sala Capitolare di San Giovanni a Parma, e vengono qui presentate in una doppia versione: la prima, formata da quattordici tele inserite ciascuna in una particolare composizione (che ha, a sinistra, l’antico maestro e, a destra, il commento-riflessione di Xerra) e quella più recente, dove i dipinti o le installazioni dell’artista di oggi si emancipano di fatto, ma non idealmente, dal loro modello settecentesco.